Gastronomia calitrana

La cultura gastronomica calitrana è secolare, semplice, e nello stesso tempo genuina: i cingul' (affini ai cavatelli pugliesi) e le cannazze (ziti spezzati), servite con ragù e pecorino grattugiato, sono i piatti tipici per eccellenza assieme all'acqua sala che consiste in fette di pane bagnate con acqua bollente salata e poi arricchite con uova sode e olio soffritto con aglio e peperoncino piccante.

Le origini delle cannazze risalgono al ‘700: a Calitri, infatti, già nel 1749 esisteva una manifattura che si serviva di canne sulle quali la pasta veniva messa ad asciugare. Era un'attrezzatura – la cui vendita risulta da un atto del notaio in Calitri Eligio Rinaldi datato 26 settembre 1749 – installata all'epoca nella “casa bassa avanti la chiesa parrocchiale di San Canio”, che fu il primo pastificio di Calitri a produrre le “cannazze”. 

Altri piatti ampiamente diffusi sono le lahan' (tagliatelle), talvolta anche bollite nel latte e condite con sugo di pomodoro e fagioli, e le aurecchj' ru preut' (orecchiette), poi ancora gli sc'lient' (vermicelli) e il baccalà alla ualanegna, entrambi questi ultimi piatti conditi con sugo a base di olio soffritto con aglio e peperoncino piccante.
A questi si aggiungono altri prodotti tipici locali: sauzicch (salsiccia), s'br'ssata (soppressata), pr'sutt' (prosciutto), cap'cuoggh' (capicollo), f'r'magg' (formaggio), r'cotta (ricotta).
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi
Page Reader Press Enter to Read Page Content Out Loud Press Enter to Pause or Restart Reading Page Content Out Loud Press Enter to Stop Reading Page Content Out Loud Screen Reader Support